Francesco II di Borbone – un grand’uomo

Francesco II di Borbone

Il vice ammiraglio Barbier de Tinan, comandante della flotta francese che stazionava nelle acque di Gaeta, successivamente alla fine della tregua di metà gennaio 1861, ricevette l’ordine da parte di Napoleone III di allontanarsi da Gaeta assediata e abbandonare la dinastia dei Borbone al proprio destino. Di lì a poco le navi di Persano avrebbero potuto cominciare a cannoneggiare la fortezza anche dal mare.

Il vice ammiraglio francese, prima di partire, si recò a rendere omaggio a Francesco II e lo salutò con queste parole:

Addio, Maestà. L’onore è vostro, l’onta è tutta nostra (P. Quandel)

Qualche giorno dopo, ebbe a dire a Napoleone III:

Mi ci volle molto per non piangere alla partenza. Sire, il re delle Due Sicilie era a Napoli un fanciullo, a Gaeta fu un uomo, considerando le circostanze direi possa ritenersi ora un grand’uomo (E. Ravvitti)

Le notizie sono riportate nello splendido, interessantissimo nonché godibilissimo saggio “Gli ultimi giorni di Gaeta” di Gigi Di Fiore, Rizzoli, 2012 (BUR Saggi), p. 203.