Esuli napoletani

Giuseppe la Farina

Nella preparazione dell’unificazione politica della penisola italiana, i maggiori denigratori del Regno delle Due Sicilie furono proprio gli esuli napoletani che si erano acquartierati in Piemonte. Furono soprattutto essi ad offrire una immagine distorta ed aberrata della realtà socio-politica che esisteva nella terra che avevano abbandonato.

Covavano un sentimento che era un misto di rancore e di voglia di rivalsa, condizionato dalla propensione a dimostrare lealtà e gratitudine nei confronti dello Stato sabaudo che li aveva accolti nonché apprezzamento per le sue strutture politico-amministrative. Non dimentichiamo che l’idea che i Piemontesi si fecero della “Bassa Italia” fu determinata dai racconti e le descrizioni degli esuli meridionali che si erano trasferiti al nord.
Per approfondimenti, si veda La Nazione napoletana di Gigi Di Fiore.
(Nella foto Giuseppe La Farina)